C.Como.

Delegazione di cuochi della gemella

DSC_9962Tokamachi in visita a Como

Venerdì mattina i saluti a Palazzo Cernezzi,

sabato sera la cena giapponese al Cfp

 

All’indomani dei festeggiamenti per i 40 anni di gemellaggio che legano Como alla città giapponese di Tokamachi, nuove occasioni di incontro e di scambio sono in calendario anche per quest’anno. Le celebrazioni hanno coinvolto in maniera attiva e partecipe le istituzioni, associazioni, organizzazioni e istituti scolastici di entrambe le città. Sulla scia di queste positive iniziative, la municipalità di Tokamachi ha presentato la proposta di uno scambio in ambito culinario. Dal 13 al 17 ottobre arriverà a Como una delegazione composta da Masato Sekiguchi e Haruyuki Sato, cuochi con attività di successo nel campo della ristorazione a Tokamachi, Masahiro Suzuki e Daisuke Hatori, dirigente e collaboratore del settore Gemellaggi del comune di Tokamachi, Baba Naoaki dell’associazione per il Gemellaggio. I due cuochi, professionisti con esperienza decennale, sono specializzati nella preparazione di soba, i tipici spaghetti giapponesi di grano saraceno, uno degli ingredienti tradizionali anche della cucina comasca, utilizzato nella preparazione dei pizzoccheri. Si potranno assaggiare le loro ricette in occasione della cena che si terrà sabato 15 ottobre al Cfp di via Bellinzona (le prenotazioni si sono chiuse in due giorni raggiungendo in poco tempo il limite massimo di 80 iscritti). Insieme al settore Relazioni Internazionali del Comune di Como, lo scambio vede il coinvolgimento dell’associazione Famiglia Comasca, dell’associazione culturale Miciscirube, del Centro di Formazione Professionale di Monte Olimpino e dell’associazione Cuochi di Como. La delegazione sarà ricevuta ufficialmente a Palazzo Cernezzi venerdì 14 ottobre alle ore 11.

Lorenzo Fabbro